martedì 5 settembre 2017

Capolinea per le stelle di Phili Reeve - Recensione

Buongiorno a tutti e buon martedì, oggi vi propongo la mia recensione di Capolinea per le stelle di Philip Reeve, edito Giunti (al prezzo di 16.00 euro per la versione cartacea e di 6.99 euro per la versione digitale - puoi acquistarlo qui al 15% di sconto).

32511102

Benvenuti in un universo struggente e meraviglioso, stupefacente ed emozionante, creato da uno degli autori inglesi contemporanei di maggiore prestigio.
Immaginate un mondo in cui remoti sistemi solari sono collegati da tunnel attraverso i quali treni dotati di vita e sentimento in pochi istanti percorrono anni luce, passando di pianeta in pianeta, attraverso la devastazione lasciata da lunghe guerre di potere. Zen è un giovane ladro che vive con la sorella Myka e la madre in una città industriale poverissima, fino a che uno sconosciuto non gli propone una missione impossibile: trafugare un oggetto custodito sul treno della dinastia imperiale. Ad aiutarlo avrà solo Nova, che pur sapendo di essere un'androide sogna di essere un'umana e si innamorerà perdutamente del ragazzo. 
Zen, incapace di resistere all'emozione della scoperta e del viaggio, anche a costo di lasciarsi alle spalle il vecchio sé e i propri sogni del passato; Nova, l'androide che vorrebbe le lentiggini; Flex, l'artista clandestino celebre in tutta la galassia per i suoi disegni che decorano i fianchi dei treni interplanetari, così belli da sembrare vivi; i misteriosi Monaci Alveare, ammassi brulicanti di insetti capaci di creare l'illusione di una sembianza umana... 

"Sai, a volte una cosa - un sistema, una creazione - diventa così vecchia e corrotta, e appesantita dal proprio bagaglio, che tutto ciò che puoi fare è cambiarla. Spostarla. Ricominciarla daccapo. Può far paura, ma è necessario. "

Finalmente sono riuscita a recuperare Capolinea per le stelle che mi osservava dalla libreria da un bel pò di tempo!
Avevo letto la trama diverso tempo fa e mi era piaciuta molto ma non avevo ancora trovato il tempo per dedicarmi a questo primo romanzo di una duologia che in Italia si è conclusa il 30 Agosto con l'uscita del seguito (che devo assolutamente leggere!).

Zen Starling è un ladruncolo di strada con una sorella e una madre con problemi mentali gravi, cosa che li spinge a spostarsi continuamente nei diversi mondi della rete per fuggire a entità inesistenti che la madre pensa di vedere. Zen è un normale ragazzo sino a quando, un giorno, dopo un furto non viene avvicinato da una ragazza con un impermeabile rosso e un drone al seguito. Cosa succederà lo potrete scoprire solo leggendo il romanzo!

Il romanzo è, chiaramente, un fantasy distopico (esiste questo genere? Non lo so...), un tipo di romanzo davvero complicato da scrivere, soprattutto per via della storia complessa che l'autore ci ha proposto. Ho apprezzato moltissimo la presenza, al termine del romanzo, di un glossario che spiegasse cosa fossero le diverse parti della Rete che venivano man mano citate, anche se avrei di gran lunga preferito che determinate cose venissero spiegate nel romanzo, cosa che in realtà non avviene. L'autore ha sviluppato la storia come se il lettore sapesse già tutto ciò che c'era da sapere sui mondi che andava a descrivere e questo è un grande punto a sfavore del romanzo.


Grazie a Giunti per la copia del romanzo <3

D'altra parte la storia è davvero ben organizzata e sviluppata, molto dettagliata e con il giusto bilanciamento tra descrizioni e dialoghi.

I personaggi sono ben caratterizzati e davvero molto interessanti nella loro varietà. Zen è un ragazzo che cambia molto durante lo svolgimento della storia, lo vediamo maturare, nonostante fosse già molto maturo di suo, e lo vediamo intraprendere strade nuove  difficili da percorrere, lo vediamo prendere delle scelte che potrebbero mettere in pericolo non solo sè stesso ma anche numerose altre persone attorno a lui. 

Nonostante, come dicevo prima, non ci viene proprio raccontata la storia dei mondi descritti nel romanzo, ho amato il mondo creato dallo scrittore e il suo utilizzo dei treni, che sono un elemento fondamentale del romanzo e che sono uno dei mezzi che più mi spaventano e affascinano da sempre. (Poi fidanzato è anche un appassionato, quindi non c'è proprio niente da fare). 

Insomma, un romanzo fantasy che ha delle ottime promesse, una bellissima trama, dei personaggi molto interessanti e che mi ha messo tantissima voglia di leggere il suo seguito *-* 

Cosa ne pensate? Lo avete letto? Lo leggerete?
Al prossimo post,
Nali <3


Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono il motore del Blog,grazie ad essi noi cresciamo. Lascia un commento e mi renderai felice!